Consigli e suggerimenti

Linux

Le applicazioni di SoftMaker FreeOffice 2018 per Linux sono disponibili in versione a 32 bit e a 64 bit; questo consente di renderle compatibili con i sistemi Linux a 32 bit (x86, 686) e a 64 bit (x86_64, amd64).

Testiamo SoftMaker FreeOffice con le versioni più recenti delle seguenti distribuzioni, e raccomandiamo di sceglierne una tra quelle qui indicate:

  • Debian
  • Ubuntu
  • Linux Mint
  • Manjaro
  • openSUSE
  • Fedora
  • Altri sistemi

Scarica

Sistemi Linux a 32 bit

Sistemi Linux a 64 bit


Installazione su Debian

Sui sistemi Debian, per l’installazione di SoftMaker FreeOffice è necessario utilizzare una riga di comando.

Sui sistemi Debian a 32 bit, aprire una shell o una finestra terminale e immettere questi comandi:

su -
apt update
apt install -f ./softmaker-freeoffice-2018_982-01_i386.deb

Sui sistemi Debian a 64 bit, aprire una shell o una finestra terminale e immettere questi comandi:

su -
apt update
apt install -f ./softmaker-freeoffice-2018_982-01_amd64.deb

Nota: se il file .deb non è stato salvato nella cartella attiva, sostituire ./ con il percorso della cartella nella quale è stato salvato.

Impostazione dell’aggiornamento automatico su sistemi Debian

SoftMaker FreeOffice 2018 può essere aggiornato da questo archivio DEB: https://shop.softmaker.com/repo/apt

Il sistema può essere configurato per accedere a questo archivio installando prima SoftMaker FreeOffice come sopra descritto e, successivamente, aprendo una shell o una finestra terminale nella quale inserire i comandi seguenti:

su -
/usr/share/freeoffice2018/add_apt_repo.sh

Se il sistema è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, Linux aggiornerà automaticamente SoftMaker FreeOffice 2018.

Se il sistema non è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, con questi comandi SoftMaker FreeOffice 2018 verrà aggiornato alla versione più recente disponibile:

su -
apt update
apt upgrade

Installazione su Ubuntu e Linux Mint

Per installare SoftMaker FreeOffice, fare semplicemente doppio clic sul pacchetto di installazione DEB.

Impostazione degli aggiornamenti automatici su Ubuntu e Linux Mint

SoftMaker FreeOffice 2018 può essere aggiornato da questo archivio DEB: https://shop.softmaker.com/repo/apt

Il sistema può essere configurato per accedere a questo archivio installando prima SoftMaker FreeOffice come sopra descritto e, successivamente, aprendo una shell o una finestra terminale nella quale inserire questo comando:

sudo /usr/share/freeoffice2018/add_apt_repo.sh

Se il sistema è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, Linux aggiornerà automaticamente SoftMaker FreeOffice 2018.

Se il sistema non è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, con questi comandi SoftMaker FreeOffice 2018 verrà aggiornato alla versione più recente disponibile:

sudo apt update
sudo apt upgrade

Installazione di Manjaro

L’archivio di Manjaro contiene anche SoftMaker FreeOffice facilitandone, in questo modo, l’installazione. Aprire una shell o una finestra terminale e immettere questo comando:

sudo pamac install freeoffice

Impostazione degli aggiornamenti automatici su sistemi Manjaro

Il gestore del pacchetto Manjaro aggiorna automaticamente SoftMaker FreeOffice.


Installazione su Fedora

I pacchetti di installazione RPM sono firmati digitalmente da SoftMaker. Prima di installare SoftMaker FreeOffice è necessario scaricare e importare la nostra chiave pubblica GPG. Aprire una shell o una finestra terminale e immettere questo comando:

sudo rpm --import linux-repo-public.key

Se non si esegue questo passo si sarà comunque in grado di installare i pacchetti RPM di SoftMaker: quando viene visualizzato il messaggio che informa dell’assenza della chiave GPG, fare clic su Ignora.

Quindi, installare SoftMaker FreeOffice facendo doppio clic sul pacchetto di installazione RPM.

Impostazione dell’aggiornamento automatico su sistemi Fedora

SoftMaker FreeOffice 2018 può essere aggiornato da questo archivio RPM: https://shop.softmaker.com/repo/rpm

Il sistema può essere configurato per accedere a questo archivio installando prima SoftMaker FreeOffice come sopra descritto e, successivamente, aprendo una shell o una finestra terminale nella quale inserire questo comando:

sudo /usr/share/freeoffice2018/add_rpm_repo.sh

Se il sistema è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, Linux aggiornerà automaticamente SoftMaker FreeOffice 2018.

Se il sistema non è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, con questi comandi SoftMaker FreeOffice 2018 verrà aggiornato alla versione più recente disponibile:

Se si utilizza yum:

sudo yum update

Se si utilizza dnf:

sudo dnf upgrade

Installazione su openSUSE

I pacchetti di installazione RPM sono firmati digitalmente da SoftMaker. Prima di installare SoftMaker FreeOffice è necessario scaricare e importare la nostra chiave pubblica GPG. Aprire una shell o una finestra terminale e immettere questo comando:

sudo rpm --import linux-repo-public.key

Se non si esegue questo passo si sarà comunque in grado di installare i pacchetti RPM di SoftMaker: quando viene visualizzato il messaggio che informa dell’assenza della chiave GPG, fare clic su Ignora.

Quindi, installare SoftMaker FreeOffice facendo clic con il pulsante destro del mouse sul pacchetto di installazione RPM e selezionare “Open with” (Apri con) e, poi, “YaST Software”. Premere Accept (Accetta) per avviare l’installazione.

Impostazione dell’aggiornamento automatico su sistemi openSUSE

SoftMaker FreeOffice 2018 può essere aggiornato da questo archivio RPM: https://shop.softmaker.com/repo/rpm

Il sistema può essere configurato per accedere a questo archivio installando prima SoftMaker FreeOffice come sopra descritto e, successivamente, aprendo una shell o una finestra terminale nella quale inserire questo comando:

sudo /usr/share/freeoffice2018/add_rpm_repo.sh

Se il sistema è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, Linux aggiornerà automaticamente SoftMaker FreeOffice 2018.

Se il sistema non è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, con questi comandi SoftMaker FreeOffice 2018 verrà aggiornato alla versione più recente disponibile:

Se si utilizza zypper:

sudo zypper update

Se si utilizza yum:

sudo yum update

Se si utilizza dnf:

sudo dnf upgrade

Se il sistema è stato configurato per gli aggiornamenti automatici, si può evitare questo passo in quanto Linux aggiornerà automaticamente SoftMaker FreeOffice 2018.


Installazione su altri sistemi

Se il sistema utilizzato non è tra quelli qui indicati, non sarà possibile avviare l’installazione con le procedure sopra riportate. Per installare SoftMaker FreeOffice utilizzare i nostri pacchetti di installazione .tgz.

Scaricare il pacchetto di installazione .tgz a 32 o a 64 bit appropriato per il sistema utilizzato. Quindi, decomprimerlo e scompattarlo e, infine, avviare lo script di installazione contenuto nel file compresso.

Su un sistema Linux a 32 bit:

tar xvzf ./softmaker-freeoffice-2018-982-i386.tgz
./installfreeoffice

Su un sistema Linux a 64 bit:

tar xvzf ./softmaker-freeoffice-2018-982-amd64.tgz
./installfreeoffice

Nota: se il file .tgz non è stato salvato nella cartella attiva, sostituire ./ con il percorso della cartella nella quale è stato salvato.


Ripristino delle icone documento

Quando si installa FreeOffice, le icone dei comuni formati di file DOCX, XLSX e PPTX vengono automaticamente assegnate a FreeOffice. Se non si desidera utilizzare lo stile delle nostre icone documento si può sempre ripristinare quelle precedenti eseguendo questo script:

sudo /usr/share/freeoffice2018/mime/remove_icons.sh